DI TE MI HA PARLATO IL VENTO

12,00 € tasse incl.

ARNAO IGEA

300 Articoli

Add to Compare

Igea Arnao ci consegna un messaggio intimo, diretto, e insieme arcano: ci chiede un atto di sfida e di solitario ardimento analogo a quello compiuto da lei stessa, quasi una battaglia nel corso della quale l’avversario decide di rimanere velato. Ogni lettore, critico, può tentare di raggiungere per approssimazioni il centro mobile di un’opera poetica che ha la folgorante autonomia di un sogno; e brama di appropriarsi della norma che gli permetta di individuarne l’origine. Si compie, così, una sorte enigmaticamente prefigurata dalla stessa Igea nei versi accecanti di un destino di eterna, elusiva contemporaneità che nel consenso insinua il dubbio, come se nella poesia ognuno ricercasse l’Igea del proprio sogno. O sogno/ regalami la passione/che languida mi prenda/e mi ricopra di fiori/innamorati. Nel suo poema ci parla di sé in metafore che definiscono una figura interiore in conflitto con un se stessa che rischia di domarla. Quando, dopo gli anni della giovinezza, affollati di incontri e di eventi, la sua vita sembra virare verso il vuoto, nel silenzio apparente dei suoi giorni essa si riempie di una moltitudine di voci, mentre sulla strada/ della passione/ petali di rose/ si disperdono al vento. Igea è regina, ribelle, donna in bianco, prima ancora di sigillare la sua scelta di solitudine consacrata alla poesia. Sui miei passi piove/Piove ancora/Sui miei passi lenti e bagnati.../Piove... Il suo «io» lirico si frange in una vorticosa molteplicità di sincerità, di personificazioni, di verità senza tradire mai il patto che lo vincola al soggetto vivente. Lei stessa sembra spingerci a ricercare, al di là dei veli e degli schermi, la sua identità mentre ci fornisce una nuova meta non solo della propria poesia, ma di se stessa poeta: la scrivente solitaria che, tracciando sul foglio bianco parole per un destinatario ignoto, gli ricorda come la sua poesia sia scritta nell’attesa consegnata al tempo, racchiusa in uno spazio sigillato, pienamente esistente soltanto nel contatto fisico con la mano di chi, tolto il sigillo, leggerà.Al suo «io» lirico Igea, posseduta dal potere della lingua, affida la funzione primaria di garante e testimone della nascita della parola: lo riduce a puro pronome, che può parlare per tutti e per nessuno, quindi anche per la folla di identità inesplose che il poeta ospita in sé come visitatori misteriosi di altri mondi.Nella poesia avviene l'esplosione: l’amore si spacca e i semi delle potenzialità interiori erompono in una ridda di voci. Così la figura della regina sancisce in un lessico di corone e diademi, sigilli e gioielli, il rango supremo conquistato tramite un’esperienza d’amore iniziatico che coincide con l'esercizio della poesia. Il giorno muore tra le braccia/della notte/Anch’io muoio per rivederti/al mattino che nasce e/porta con sé/onirici pensieri .../ma il tempo sfalda lo specchio/del rimorso/dove annega la tua immagine… Sulle pagine si gioca il destino della lingua, si rinnova il conflitto tra eros e thanatos, si compie l’atto di conoscenza. E, in questo orizzonte, l’«io» è tanto soggetto quanto oggetto e campo d'azione; il cosmo si fa magmaticamente presente in un’inclinazione della luce; Porta con sé/il mistero/di un brivido di luce/lungo la mia schiena. Un brivido percorre l’anima del lettore e non chiede altro che raggiungere quel sogno che vive nel cuore del poeta e quando sola/guardo al mio domani/ sperduta tra lande/oscure innevate. La sua vita non sembra vulcanica perché nessuno sospetta la violenza delle emozioni che la scuotono, la sua dizione poetica obbedisce all’incantata quiete che precede l’eruzione. Nel corso della sua sperimentazione Igea giunge a vedere dentro se stessa non solo un'immagine di aggressività repressa, ma anche un preciso modello di linguaggio che consenta l'accesso alle energie del profondo, del sogno, dell'inconscio. Ti penso e ti voglio/nei pensieri tutti miei./Ti avvolgo in scintille di luci/che danzano con la mia anima/di fuoco. Le immagini aleggiano tra le labbra di fuoco come un vulcano, conoscono una misteriosa alternanza di suoni e di silenzi motivati da una interiore necessità; si aprono, veritiere, per poi esplodere ancora in emozioni vibranti nella notte profonda/ mentre il respiro dei miei pensieri dà luce/ad una nuova alba. Lo stesso violento potere di trasformazione possiede, per Igea, la poesia: come i grandi sommovimenti sismici essa provoca lo sgretolarsi di ogni punto certo di riferimento e senza regole sprigiona l’amore che come piccole gocce di sogno rimbalzano.../si posano sulla pelle nuda/.La Poesia dizione contratta al limite del comprensibile, diviene nitidissima se letta e indagata in ogni suo componente, in ogni nesso di congiunzione volontariamente sensuale e passionale, per intensità e respiro. Un evento amoroso, inattuabile e pure accaduto – un’esperienza unica Le braccia si intrecciano/come i nostri pensieri/Ed io sono qui/con te/per te/in un gioco di vita e di morte./Sempre con te/.Una vibrazione narrativa, come onde che si rincorrono e si accavallano per infrangersi contro rive che raccolgono il calore del sole e il suo fulgore,/mentre/gli occhi si aprono sulla terra/che non muta,/e il mare disperde le sue onde/oltre l'orizzonte./ Senza farsi mai storia compiuta, l’amore si sussegue, di poesia in poesia e senza fretta/attendo che tu/apra gli occhi/e mi doni una nuova alba. Il sigillo dell'incontro - cintura, diadema, perla o velo bianco, leggero come un sudario - sancisce un cimento vittorioso perché la lingua che lo descrive incide, come un coltello, sull’amante lontano: nella trasparenza/ della luna/mentre/il cielo sopra noi/mi guarda con i tuoi/occhi innamorati. Il desiderio scuote l’«io» con l'impeto di una forza sconosciuta, non si estingue ma contagia della sua energia eversiva il sogno, la rimemorazione e, infine, il pensiero inquietante e nobile: eppure ti ho sognato/sul mio corpo steso al sole/baciato dal vento/e da un amore che non muore. La voce che esclama: sento la tua carezza/che lieve ricopre la coscienza/attenta e intrisa di speranza. Nella sua poesia non si spegne quella vista notturna che dirige il movimento verso l'altro. Nell'incontro gli amanti rincorrono l'alba.../...carezza del cuore.../rimangono abbracciati. L’opera di Igea Arnao mostra una percezione nuova dei suoni della sua poesia. Lei stessa la suggerisce o la impone nelle sue ricorrenti definizioni dei suoni della natura, dove le voci incrociate del vento sono seduzione, sacrilegio, abbandono, sapienza divina, acquisita nella pratica della propria, unica, vocalità perché dalle sue labbra è uscito il segreto che ha il sapore di eternità.

Editore MONETTI EDITORE
Autore IGEA ARNAO
Titolo DI TE MI HA PARLATO IL VENTO
Pagine 120
Formato 15X21

Related Products

Product successfully added to the product comparison!